Ecco le novità dell’Esame di Stato della scuola di II grado che entreranno in vigore da quest’anno scolastico 2018/2019:

Il credito scolastico:
Da quest’anno si darà più peso al percorso di studi: i docenti daranno fino a 40 punti su 100 sulla base dei risultati dell’ultimo triennio (fino ad oggi erano 25).

Le prove d’Esame:
Le prove scritte passano da tre a due.

19 giugno: 1° prova di Italiano. 7 tracce divise in 3 tipologie:

  • analisi del testo
  • analisi e produzione di un testo argomentativo
  • riflessione critica su tematiche di attualità.

20 giugno: 2° prova scritta. Riguarderà una o più discipline caratterizzanti i percorsi di studio. Saranno previste, secondo la nuova normativa vigente, griglie nazionali di valutazione che saranno fornite alle commissioni per una correzione più omogenea ed equa. Le griglie ci saranno anche per la correzione della prova di italiano.

Voto finale:
Il punteggio finale sarà sempre in centesimi. Si parte dal credito scolastico (fino a 40 punti). Alla commissione spettano poi fino a 60 punti:

massimo 20 per ciascuna delle due prove scritte e 20 per il colloquio. Il punteggio minimo per superare l’esame resta fissato in 60 punti.

A gennaio saranno comunicate agli studenti le materie della seconda prova.